La broncopneumopatia cronica ostruttiva  (BPCO) è una malattia caratterizzata da ostruzione cronica delle vie respiratorie, che impedisce un buon funzionamento dei polmoni e delle vie respiratorie.

L’aria raggiunge i polmoni attraversando la trachea e i bronchi. Nei polmoni i bronchi si ramificano in numerosi tubicini chiamati bronchioli che terminano in piccole sacche di aria, chiamate alveoli. Gli alveoli hanno pareti molto sottili e ricche di capillari: è proprio attraverso questi capillari che l’ossigeno inalato passa nel flusso sanguigno. Allo stesso tempo, grazie alla naturale elasticità di bronchioli e alveoli, l’anidride carbonica, il prodotto di scarto del metabolismo, viene emesso nell’espirazione.
Nella BPCO l’aria entra a fatica a causa dell’ostruzione e a causa della perdita di elasticità di bronchioli e alveoli una parte dell’aria rimane bloccata nei polmoni durante l’espirazione.
L’enfisema e la bronchite cronica ostruttiva sono tra le principali cause dell’ostruzione delle vie respiratorie nella BPCO: l’enfisema è caratterizzato da danneggiamento irreversibile delle pareti degli alveoli e dall’ingrossamento degli alveoli stessi. Nella bronchite cronica, i bronchi e i bronchioli sono infiammati provocando un restringimento del passaggio di aria, inoltre i polmoni producono più catarro che contribuisce a ostruire ulteriormente i bronchi.
Come sottolinea l’OMS questa condizione non deve essere liquidata come un semplice “tosse da fumatore”: ancora sotto-diagnosticata, la BPCO aumenta il rischio di patologie cardiovascolari, tumori polmonari, polmoniti e ipertensione polmonare.

Cause

Nella maggioranza dei casi, il danno ai polmoni è provocato dall’uso prolungato di tabacco (tabagismo), ma esiste anche una suscettibilità genetica perché non tutti i fumatori sviluppano la BPCO.
Altre cause sono il fumo passivo, l’esposizione prolungata a polveri, sostanze tossiche, o grave inquinamento ambientale e la presenza di una condizione genetica nota come deficit di alfa-1-antitripsina.

Sintomi

Il sintomo principale è la tosse con produzione di espettorato. L’eccesso di catarro nei polmoni è maggiore al risveglio.
Altri sintomi possono essere:
· dispnea
· respiro corto (soprattutto durante l’attività fisica)
· Senso di oppressione toracica
· Cianosi (colorazione blu) delle labbra o delle unghie
· Infezioni respiratorie frequenti
· Mancanza di energia
· Perdita di peso indesiderata (nelle fasi avanzate)
· Gonfiore alle caviglie, ai piedi o alle gambe
· Tendenza a sviluppare infezioni alle vie respiratorie

Diagnosi

La diagnosi si effettua con un semplice test chiamato spirometria, che misura il volume di aria inspirata ed espirata.

Trattamento

Nonostante l’ostruzione delle vie aeree sia irreversibile, i sintomi della BPCO sono trattabili farmacologicamente con buoni risultati in termini di riduzione della progressione, qualità della vita e riduzione del rischio di malattie correlate.
La prima regola è naturalmente quella di eliminare il fumo di sigaretta o l’esposizione ad altre sostanze irritanti.
A supporto delle terapie farmacologiche, la riabilitazione polmonare può essere utile per migliorare l’indipendenza e la qualità di vita, ridurre la frequenza e la quantità dei ricoveri ospedalieri e migliorare la tolleranza allo sforzo.

Bibliografia

  • https://www.who.int/respiratory/copd/en/
  • https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/copd/symptoms-causes/syc-20353679
  • https://www.msdmanuals.com/it-it/casa/disturbi-polmonari-e-delle-vie-respiratorie/broncopneumopatia-cronica-ostruttiva-bpco/broncopneumopatia-cronica-ostruttiva-bpco