Antonio Colasanto - Aging Project UniUPO

Laureato in “Chimica e Tecnologia Farmaceutiche” presso l’Università del Piemonte Orientale, con un elaborato di tesi finale dal titolo “Trattamento con acqua ozonizzata nell’industria alimentare: metodiche per la valutazione dell’impatto sulle caratteristiche compositive della carne”. Successivamente ho svolto un periodo di 6 mesi di borsa di studio per addestramento e perfezionamento alla ricerca presso il laboratorio di Chimica degli alimenti dei prof. M. Arlorio e J.D. Coïsson, lavorando ad un progetto dal titolo “Applicazione di metodi di analisi per il controllo dell’impatto di tecniche innovative nella conservazione di alimenti”. A giugno 2019 hao superato l’esame di Stato per l’abilitazione alla professione di farmacista ed a dicembre 2019 ha ricevuto il premio come “miglior laureato del corso di laurea magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche per l’anno accademico 2017/2018”. Dal primo novembre sono iscritto al corso di dottorato in “Food, Health and Longevity”.
Le mie principali passioni sono la pesca e la cucina. La seconda in particolare ha contribuito ad aumentarmi la popolarità e la benevolenza all’interno dell’ambiente universitario! D’altronde “non si può pensare bene, dormire bene, amare bene, se non si ha mangiato bene” (Virginia Woolf).

Anno accademico di inizio: 2019/2020

Curriculum: Food

Tutor: Prof. Marco Arlorio

Filone di ricerca

Alimenti funzionali e ingredienti per un’alimentazione salutistica: caratterizzazione, bioaccessibilità, funzionalità e prospettive tecnologiche.
Le ricerche che si intendono intraprendere nell’ambito del Dottorato di Ricerca, riguarderanno lo sviluppo di ingredienti e alimenti funzionali per un’alimentazione salutistica. In particolare, si intende caratterizzare il profilo chimico-nutrizionale di alimenti ricchi in sostanze bioattive nonché formulare
ingredienti innovativi, rendendoli disponibili anche per studi in vivo. Saranno valutate la bioaccessibilità degli stessi e l’interazione dei bioattivi con il microbiota. Infine, sarà valutato l’effetto delle tecnologie di processing (formulazione, produzione, sanitizzazione/stabilizzazione termica, cottura) sugli
ingredienti/alimenti sviluppati.