L’arterite gigantocellulare o arterite di Horton è una malattia causata dall’infiammazione di grossi vasi arteriosi (vasculite), come l’aorta, le arterie carotidi e vertebrali, l’arteria temporale e oftalmica. È la vasculite più comune in età adulta, che colpisce quasi esclusivamente soggetti di età maggiore ai 50 anni.
È più frequente nelle popolazioni nord-europee con un’incidenza che si riduce progressivamente avvicinandosi all’equatore.

Cause

Le cause dell’arterite di Horton non sono al momento conosciute, sebbene siano noti alcuni fattori di rischio, quali: età, fumo di sigaretta, menopausa precoce.

Sintomi

L’arterite gigantocellulare causa uno stato di infiammazione cronica sistemica, cioè che coinvolge tutto l’organismo; inoltre, il danno a carico della parete delle arterie può causare una riduzione dell’apporto di sangue agli organi a cui questi vasi distribuiscono nutrienti e ossigeno, determinando l’ischemia dei tessuti. Da ciò derivano i principali sintomi:

  • Inizialmente i pazienti lamentato sintomi riferibili allo stato infiammatorio: malessere, febbre, sudorazioni notturne;
  • I sintomi da interessamento vascolare includono:
    • Mal di testa (cefalea): spesso atipica, perché insorge in persone che non soffrivano precedentemente di mal di testa, oppure perché descritta come diversa rispetto a quella solita in pazienti con cefalea cronica;
    • Dolore alla mandibola durante la masticazione;
    • Perdita della vista da un occhio per ischemia del nervo ottico;
    • Dolore a spalle e anche per concomitante presenza di polimialgia reumatica (vedi voce corrispondente in glossario): infatti queste due malattie sono spesso associate tra loro.

La forma tipica dell’arterite gigantocellulare coinvolge l’arteria temporale, localizzata a livello della tempia, che a causa dell’infiammazione si ispessisce, diventa rossa e dura. Tuttavia, in una quota non trascurabile di pazienti la malattia si presenta senza coinvolgimento delle arterie del cranio; in questi pazienti l’infiammazione riguarda l’aorta e i grossi vasi in profondità e prevalgono i sintomi da infiammazione, come la febbre persistente, mentre può mancare il sintomo più tipico, cioè il mal di testa.

Diagnosi

La diagnosi dell’arterite gigantocellularesi basa su:

  • Valutazione clinica del paziente;
  • Esami del sangue come la proteina C reattiva (PCR) e la velocità di eritrosedimentazione (VES), che sono aumentati perché segnalano la presenza di uno stato di infiammazione sistemica;
  • Biopsia (prelievo di tessuto) dell’arteria temporale: storicamente ritenuto l’esame diagnostico migliore, in realtà non è sempre facilmente eseguibile e può dare risultati non sempre attendibili;
  • Esami radiologici:
    • Ecografia dell’arteria temporale: può dimostrare l’ispessimento della parete legato all’infiammazione;
    • TAC o risonanza magnetica di torace e addome: possono dimostrare l’ispessimento della parete dell’aorta legato all’infiammazione;
    • PET: esame che permette di dimostrare la presenza di infiammazione a livello dei vasi, sulla base di quanto si concentra un marcatore radioattivo somministrato al paziente.

Trattamento

La terapia richiede la somministrazione di cortisonici, che va protratta per molte settimane; in questi casi il problema principale può derivare dagli effetti collaterali legati alla terapia cronica con il cortisone (ad esempio aumento di peso, ipertensione arteriosa, diabete, osteoporosi).

Altri farmaci immunomodulanti e immunosoppressori possono essere aggiunti per favorire una più rapida riduzione della dose di cortisone e/o per trattare i casi più difficili che non rispondano alla terapia standard.

 

Bibliografia