La vitamina D come biomarcatore di cattiva salute tra gli over 50: una revisione sistematica degli studi di coorte

È nota l’associazione tra i livelli circolanti di vitamina D e l’incidenza di malattie croniche. L’identificazione della vitamina D come biomarcatore dell’invecchiamento fisiologico / patologico potrebbe contribuire ad ampliare le attuali conoscenze sul suo coinvolgimento nell’invecchiamento in buona salute. Secondo le linee guida PRISMA, è stata condotta una revisione sistematica sulle coorti studiando il ruolo delle concentrazioni di 25OH-Vitamina D [25 (OH) D] e 1,25 (OH) 2-Vitamina D [1,25 (OH) 2D] come biomarcatori dell’invecchiamento in buona salute. Abbiamo consultato MedLine, Scopus e Web of Science per cercare studi sull’associazione tra lo stato della vitamina D in popolazioni di adulti originariamente sani e gli esiti di longevità, malattia e funzionalità fisica e cognitiva. La qualità degli studi è stata valutata utilizzando la scala di Newcastle Ottawa. Per questa review sono state selezionate venti coorti da 24 articoli. Sono state trovate associazioni inverse tra bassi livelli di 25 (OH) D e mortalità per qualsiasi causa, eventi respiratori e cardiovascolari, nonché marcatori relativi a fratture dell’anca e non vertebrali. Associazioni tra 1,25 (OH) 2D e risultati di invecchiamento in buona salute hanno dato risultati simili, sebbene di minore rilevanza clinica. Questa revisione sistematica individua aspetti peculiari della vitamina D come predittore multidimensionale di cattiva salute nel processo di invecchiamento. Ulteriori studi controllati ben progettati per indagare se i risultati dell’integrazione di vitamina D in risultati superiori sono garantiti in futuro.

Riferimento:

Caristia S, Filigheddu N, Barone-Adesi F, Sarro A, Testa T, Magnani C, Aimaretti G, Faggiano F, Marzullo P. Vitamin D as a Biomarker of Ill Health among the Over-50s: A Systematic Review of Cohort Studies. Nutrients. 2019 Oct6;11(10). pii: E2384. doi: 10.3390/nu11102384. Review.